mm

CONVIVIALE DEL 1 MARZO 2018

by Presidente on

Il mese di marzo ha salutato Siena con una copiosa spruzzata di neve e con una temperatura tutt’altro che gradevole creando non pochi disagi anche alla circolazione stradale. Questo, tuttavia, non ha scoraggiato i circa quaranta soci che sono stati presenti alla riunione conviviale di giovedì 1 marzo che si tenuta presso l’NH Hotel e che ha visto la gradita presenza del relatore Prof. Francesco Francioni e della consorte Sig.ra Susan.
Il Prof. Francioni, fiorentino di nascita, è noto nella nostra città dove attualmente risiede per aver ricoperto l’incarico di professore ordinario di diritto internazionale alla Facoltà di Giurisprudenza della nostra Università di cui è stato anche pro-rettore dal 1994 al 2003. Lo stesso ha ricoperto la cattedra di diritto internazionale all’Università Europea (Fiesole) ed attualmente è Professore Emerito presso l’Università Europea e Professore di diritto internazionale alla LUISS di Roma.
Visiting professor presso le Università di Oxford (1998-2003), Columbia Law School, New York (2013), Cornell (1984-1986), Texas (1987-2008) è stato autore di numerose pubblicazioni, in lingua italiana, inglese e francese, su temi di diritto internazionale dell’economia, di protezione dei diritti umani e dell’ambiente e di tutela internazionale del patrimonio culturale.
Consigliere giuridico per il Governo Italiano è stato membro di numerose delegazioni a conferenze diplomatiche e negoziati internazionali ed ha presieduto il Comitato per il Patrimonio Mondiale dell’Unesco.
Più recentemente è stato nominato giudice ad hoc per l’Italia nel Tribunale delle Nazioni Unite per il diritto del Mare (coso Marò) ed è attualmente arbitro presso la Corte Permanente di Arbitrato dell’Aja.
L’intervento del relatore, incentrato sul tema “L’Italia nei Tribunali Internazionali”, è stato particolarmente apprezzato dai presenti che non hanno mancato di rivolgere al Prof. Francioni numerose domande a cui lo stesso ha fornito esaustive risposte.
La serata si è conclusa in un clima di grande cordialità all’insegna della più sentita amicizia rotariana.

mm

CYBERBULLISMO E DIPENDENZE TECNOLOGICHE

by Presidente on

Il Club RC Siena, unitamente ai RC Siena Est e RC Montaperti Castelnuovo Berardenga, ha aderito ad una iniziativa diretta a sensibilizzare su un fenomeno ormai largamente diffuso tra i giovani quale quello del “cyberbullismo” informando sulle metodologie più idonee a contrastarne i pericoli connessi.
Infatti sI moltiplicano giorno dopo giorno, le vittime, le giovani vittime, del cyberbullismo. L’odio che spinge ad atti persecutori per via telematica è quel sentimento deprecabile che prende corpo fra le nuove generazioni, ad un ritmo sempre più frenetico, come frenetico è il corso delle trasmissione via web di forme più o meno violente di messa al bando di ragazzi e ragazze, schiacciati dal peso delle infamie e delle ingiurie.
Il fenomeno si annida nelle scuole e nelle scuole va combattuto. Ecco perché il Rotary Club Siena, il Rotary Club Montaperti Castelnuovo Berardenga e il Rotary Club Siena est hanno unito le forze, per organizzare due giornate informative, destinate agli studenti della scuola secondaria di primo grado Pier Andrea Mattioli e dell’istituto comprensivo Federigo Tozzi, in cui è stato trattato il tema “Cyberbullismo e dipendenze tecnologiche”.
Il professor Edoardo Colombo, medico e ricercatore di fama internazionale, ha indicato le radici del fenomeno e i percorsi attraverso cui si è diffuso e moltiplicato in tempi rapidissimi. Ne ha analizzato gli effetti devastati nella vita di tanti ragazzi, i più deboli e indifesi, definendo le strategie preventive e difensive che ogni giovane vittima perseguitata, le loro famiglie e gli stessi operatori scolastici, possono mettere in atto.
Il professor Colombo ha fornito strumenti e informazioni utili per intercettare le fonti del disagio e per intervenire nella sua fase attuativa, quando diventa più incisiva e virulenta. L’attenzione dimostrata da tutti i ragazzi ha messo in luce le indubbie capacità del relatore di rapportarsi con gli studenti, ma anche l’interesse che il tema ha fra i giovani, perché costituisce una delle maggiori preoccupazioni di chi sa di essere o poter diventare oggetto di atti persecutori nel cyberspazio, dove le cattiverie diventano più spietate e gli atti di prevaricazione sono all’ordine del giorno.
I tre Club Rotary coinvolti nell’iniziativa sono convinti che il progetto possa avere un seguito, affinché i riflettori non vengano mai spenti.
L’iniziativa ha ricevuto il plauso delle Istituzioni e largo risalto negli organi di stampa cittadina.

mm

PROGRAMMA DEL MESE DI MARZO 2018

by Presidente on

MARZO 2018

Giovedì 1 ore 20:00Riunione Conviviale c/o NH Hotel Siena
Nel corso della riunione interverrà il Prof. Francesco Francioni che tratterà il tema “L’Italia nei Tribunali Internazionali
Il Prof. Francioni è Professore Emerito di diritto internazionale all’Istituto Universitario Europeo, Firenze e Professore di organizzazione internazionale presso la LUISS, Roma ed è il giudice ad hoc designato dall’Italia al Tribunale internazionale sul diritto del mare di Amburgo sul cd. caso dei marò

Giovedì 8 ore 19:00Riunione al Caminetto c/o NH Hotel Siena
Argomenti rotariani

Giovedì 15 ore 20:00Riunione Conviviale c/o Hotel Garden Siena
Nel corso della riunione interverrà il Dott. Claudio Marcello Costa illustrando il proprio libro “L’eroe che è in te”.
Il Dott. Claudio Marcello Costa è un medico italiano, noto al grande pubblico come “dottor Costa” e fondatore della “clinica mobile” che per 30 anni ha assistito e curato tutti i migliori piloti della MotoGP

Giovedì 22 ore 19:00Riunione al Caminetto c/o NH Hotel Siena
Argomenti rotariani

Giovedì 29 attività sospesa

mm

UN CARNEVALE IN INTERCLUB

by Presidente on

Martedì 13 febbraio i Rotary Club Siena e Siena Est si sono ritrovati presso l’Hotel Garden per festeggiare il carnevale 2018.
I numerosi partecipanti, molti dei quali in costume, hanno dato vita ad una simpatica e piacevole serata dove la spensieratezza ha fatto da padrona strappando sorrisi e momenti di convivialità. E proprio i costumi hanno caratterizzato la serata dove alcuni soci hanno spaziato dalla Banda Bassotti agli anni ’70, dalla coppia egiziana ai diavoli, dai capitani di marina alle prese con gli squali ai maghi e prestigiatori fino ai più sobri (e meno coraggiosi) papillon luminosi o alle mascherine multicolori.
Non è ovviamente mancata la musica che con note tipicamente funky e disco ha richiamato in pista praticamente tutti i presenti.
Per i partecipanti un evento che ha contribuito a rinsaldare amicizie e conoscenze nel più sentito spirito dell’amicizia rotariana.

 

Un libro per raccontare la lunga e complessa storia dello sport a Siena. Si chiama “Storia Illustrata dello Sport a Siena”, curato dal nostro socio Francesco Meucci per le edizioni Pacini di Pisa in collaborazione con Banca Cras ed è stato presentato al Club durante la riunione al caminetto del primo febbraio.

“Questo libro nasce dall’esigenza di raccontare in modo succinto, ma organico, la grande avventura dello sport a Siena”, ha detto Meucci. “Abbiamo seguito una divisione logica – prosegue – dividendo il volume per discipline e sviscerando di conseguenza la storia di tutte le principali società sportive senesi: dalla Robur alla Mens Sana, dal Costone alla Virtus, passando per il Cus, l’avventura del ciclismo e del tennis, la scherma, il volley per i finire i recenti trionfi dell’Emma Villas. Ne è uscito un volume che rimette insieme i pezzi di una storia sportiva che a Siena finisce per assomigliare a una storia della città, fra imprese eroiche, pionieri, grandi successi, fallimenti e rinascite. E’ un libro che serve anche a ricordare quanto di grande i senesi hanno saputo fare in passato e quanto possono ancora fare”.

I testi del libro sono stati curati dai giornalisti: Orlando Pacchiani, Guido De Leo, Andrea Frullanti, Angela Gorellini, Alessandro Lorenzini, Giacomo Luchini, Luca Luchini, Paolo Bartalini, Roberto Rosa, Andrea Sbardellati, Gabriele Voltolini e Gennaro Groppa; mentre le foto sono di Paolo Lazzeroni, Fabio Di Pietro, Nicola Natili e Augusto Mattioli.

mm

PROGRAMMA DEL MESE DI FEBBRAIO 2018

by Presidente on

FEBBRAIO 2018

 
 
Giovedì 1 ore 19:00 – Riunione al Caminetto c/o NH Hotel Siena

Nel corso della riunione il socio Dott. Francesco Meucci presenterà il suo libro “Storia Illustrata dello Sport a Siena”(Pacini editore)

 

Giovedì 8 ore 19:00 – Riunione al Caminetto c/o NH Hotel Siena

Argomenti rotariani – relazione sulla riunione distrettuale del 3 febbraio 2018

Nel corso della riunione i nuovi soci Dott. Dario Gambera e Dott. Domenico Benevento si presenteranno al Club

 

Martedì 13 ore 20:00 – Riunione Conviviale c/o Hotel Garden Siena

Interclub con il Rotary Club Siena Est

Serata in maschera per festeggiare il carnevale (tema libero)

Musica del DJ Maurizio Morgantini

 

Giovedì 15 – attività sospesa

 

Giovedì 22 ore 19:00 – Riunione al Caminetto c/o NH Hotel Siena

Argomenti rotariani

mm

CONVIVIALE INTERCLUB CON IL ROTARACT CLUB SIENA

by Presidente on

Giovedì 18 gennaio all’Hotel NH in Siena, si è tenuta una serata conviviale che ha visto riuniti il Rotary Club Siena e il Rotaract Club Siena.
La serata, accreditata di circa cento partecipanti tra soci ed ospiti dei due Club, è stata introdotta dall’intervento del nostro delegato ai rapporti con il Rotaract, Massimo Verdi, che ha sottolineato lo stretto legame tra i due sodalizi evidenziando come il Rotary Club Siena ha creduto sin da subito al “progetto” Rotaract, e con lo stesso impegno e cura continua a crederci, offrendo ai giovani l’opportunità di un luogo, di una palestra dove potersi cimentare a migliorare se stessi individuando nel Rotary un punto di riferimento ed un costante pungolo affinchè il desiderio di migliorarsi e di crescere rappresenti una costante delle attività rotaractiane.

Nel corso della riunione hanno fatto il loro ingresso nel Club Rotary il Dott. Dario Gambera, il Dott. Domenico Benevento ed il prof. Giuliano Scarselli rotariano già Presidente del R.C. Firenze Sud; allo stesso modo ha fatto il proprio ingresso nel Club Rotaract la Sig.na Renata Di Nuzzo.
Ai nuovi soci rivolgiamo il nostro più sincero benvenuto sicuri che all’interno dei rispettivi Club troveranno grande stima ed amicizia.

Al termine della serata i Presidenti dei due Club, Stefano Inturrisi e Bernardino Mandarini, si sono scambiati i guidoncini ed un piccolo dono. 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una riflessione sull’essenza del “service” elaborato dal Presidente della Commissione Stampa del Rotaract Club Siena Dott. Riccardo Intruglio.

CHE COS’E’ IL SERVICE
Si potrebbe racchiudere in una definizione asciutta e apparentemente completa il significato di service, con la conseguenza tuttavia di perdere alcuni, se non molti, dei significati che vanno ben oltre una sterile definizione. Per semplificare le cose, è possibile guardare a due grandi aspetti del fare service: uno tecnico, l’altro umano. Non che i due aspetti (che a loro volta concentrano in sé numerosi altri aspetti, sfumature, congiunture di significati) siano scollegati tra loro; sono intimamente uniti.  Partendo dall’aspetto più tecnico, il service è infatti uno dei principali momenti, sebbene non l’unico, della vita del Rotaract; è un progetto condiviso, studiato, elaborato, pianificato, che nasce in seno al Distretto, alla Zona o a livello locale, nella città del Club, e che ruota intorno alla realizzazione di un obiettivo ben preciso. Stabilire questo obiettivo, che poi è la ragion d’essere del service stesso, nasce da un’attenta analisi della propria comunità, della società che ci circonda: e quindi quali sono le problematiche, le necessità su cui è possibile intervenire (fare service insegna ad essere pragmatici e a stare coi piedi per terra: è ragionevole porsi obiettivi che, coi nostri mezzi, possiamo essere realmente in grado di raggiungere). Si può trattare, rimanendo dalle parti del Rotaract Siena, della mensa dei poveri della nostra città, in cui c’è bisogno di ‘manodopera’, oppure di un’associazione dell’autismo. Individuato il campo d’azione in cui è possibile dare vita al service, ci si chiede cosa si possa concretamente fare, ed ecco che vengono dati i connotati all’obiettivo, al risultato che si desidera ottenere per produrre effettivamente un risultato in quella realtà che abbiamo scelto. Non basta lo scheletro di base di un service, non basta la pianificazione tecnica di come e dove realizzarlo, ci vuole soprattutto che l’immagine del service prenda distintamente forma in ciascun socio e aspirante del Club, occorre cioè che tutti abbiano bene in mente (e nel cuore) dove si voglia andare.

E questo connette l’aspetto più tecnico a quello umano del fare service: sono infatti presupposto fondamentale alla sua riuscita sia la mente che il cuore. Pensare e realizzare un service è un’attività complessa ma bellissima, in cui si è chiamati a mettersi in gioco. Ad essere chiamate in gioco, a ben vedere, non sono tanto le singole competenze ‘tecniche’ di ciascuno (che comunque servono sempre), quanto le ‘competenze emotive’, vale a dire quell’eterogeneo bagaglio di motivazione, coraggio, entusiasmo e consapevolezza che ci rendono Rotaractiani ma anche persone in grado di darsi da fare per realizzare progetti da cui derivi un bene per la propria società, ma anche per se stessi, perché uno dei più grandi lasciti di un service è la crescita interiore. Raggiungere l’obiettivo stabilito dipende sia dalla squadra che dal singolo individuo e da come questo interagisce con la squadra. Fare service vuol dire fare Rotaract, e anzi è uno dei modi principali in cui si fa Rotaract, in cui il senso di identità maturato nella nostra associazione diventa il carburante in grado di lanciarci, come un aereo al decollo, sopra la pista. Poi sta a noi rimanere in volo e raggiungere l’aeroporto di destinazione. Ho ricordi indelebili e molto belli legati ai service a cui abbiamo lavorato e dato vita nel Rotaract Siena, e ogni volta che affiora un ricordo legato a un service, che sia una difficoltà incontrata, o la soddisfazione della riuscita o un momento buffo o semplicemente un’immagine, si accompagna a una nota d’orgoglio, nella voce e nella memoria, perché il mettersi al servizio (degli altri, con gli altri) lascia dentro di noi un’impronta forte, che va ben oltre le cose materiali con cui la società ci bombarda continuamente. Un’impronta viva che è anche uno stimolo a continuare a guardare avanti, per rinnovare ogni giorno il desiderio e la voglia di mettersi al servizio.

(Riccardo Intruglio, Presidente Commissione Stampa del Rotaract Club Siena per l’A.R. 2017/2018)

mm

CAPODANNO 2017

by Presidente on

Un Capodanno diverso quello che per la sera di San Silvestro ha visto riuniti a Villa Fagnano molti amici del Rotary Club Siena e del Rotary Club Siena Est con i loro ospiti. Una serata trascorsa in serenità, salutando il nuovo anno con leggerezza e senza dimenticare l’amicizia che lega tutti coloro che condividono l’autentico spirito rotariano.
A nome del Rotary Club Siena a tutti tanti cari auguri con l’auspicio di un sereno 2018 ricco di soddisfazioni personali e professionali.

mm

PROGRAMMA DEL MESE DI GENNAIO 2018

by Presidente on

GENNAIO 2018

Giovedì 4 – attività sospesa

Giovedì 11 ore 19:00 – Riunione al Caminetto c/o NH Hotel Siena
Argomenti rotariani
L’evento è riservato ai soli soci

Giovedì 18 ore 20:00 – Riunione Conviviale c/o NH Hotel Siena
Interclub con il Rotaract Club Siena
Nel corso della riunione interverrà il Dott. Nicola Procaccio (Marketing Director Italia, Grecia & Israele presso Intel Corporation Italia SpA)
Intel è un’azienda multinazionale statunitense produttrice di dispositivi a semiconduttore (microprocessori, dispositivi di memoria, circuiti di supporto alle telecomunicazioni e alle applicazioni informatiche). È considerata la più grande azienda mondiale in questo settore

Inoltre la serata vedrà il formale ingresso nel Club dei nuovi soci Dott. Dario Gambera e Dott. Domenico Benevento

Giovedì 25 ore 20:00 – Riunione Conviviale c/o NH Hotel Siena
ASSEMBLEA STRAORDINARIA
L’evento è riservato ai soli soci
(la prevista riunione al caminetto con la relazione del socio Dott. Francesco Meucci è stata rinviata all’1 febbraio 2018)