mm

Il ROTARY E IL WEB : ISTRUZIONI PER L’USO.

by Past President on

Giovedi 21 maggio 2020-h. 19.00

Videoconferenza ” Il Rotary e il web : istruzioni per l’uso”

Relatore Cesare Andrisano Presidente Sottocommissione web, social media per il Rotary Distretto 2071 a.r. 2019-20

Ospite e relatore del caminetto on line di giovedì 21 maggio è stato Cesare Andrisano,  fondatore del primo Rotary e-club nel nostro distretto  e attuale Presidente della sottocommissione web, social media per il Rotary Distretto 2071. Vista l’emergenza Covid-19 e la necessità di effettuare riunioni on line, ha accettato il  nostro invito per illustrarci in modo più dettagliato la funzionalità e l’importanza di questa nuova possibilità che la tecnologia offre a disposizione e fornendo l’occasione di continuare a riunirci anche in situazioni come quella attuale.

Il caminetto si è aperto con il saluto dell’Avv. Pietro Burroni, assistente del Governatore per l’Area Toscana 2, che ha manifestato vivo apprezzamento per queste nostre iniziative sottolineando l’importanza di mantenere, nonostante tutto, la nostra attività e la consuetudine di incontrarsi fra soci, seppur virtualmente: il Rotary connette il mondo e mai come quest’anno la connessione si è rivelata di

fondamentale importanza per “fare” Rotary.

Cesare Andrisano  ha iniziato il suo intervento ricordando la sua formazione professionale perfezionata  presso Hotel & Catering School di Londra e Ecole Hotelier di Losanna e quindi alcune tappe significative del suo percorso lavorativo presso compagnie di Hotel internazionali che lo hanno portato a lavorare e a vivere in molti paesi stranieri tra cui Stati Uniti, Francia, Caraibi etc.

La sua scoperta di internet risale al 1989 mentre si trovava in California, a Berkley.

Grazie alla passione e allo studio dell’informatica ha ricoperto incarichi in qualità di responsabile web, social per Confindustria tenendo numerosi seminari di formazione e congressi in collaborazione con Microsoft-Symantec-Cisco-Telecom .

In data 22 giugno 2016 ha fondato il primo Rotary E-Club Distretto 2071, già presente in altre regioni d’Italia ed assoluta novità per il movimento rotariano. Con questa formula infatti il Rotary acquisisce maggiore flessibilità e si arricchisce di un aspetto in più: l’accessibilità tramite web. In altre parole, regole nuove che permettono ai club di adattarsi ai cambiamenti del nostro tempo, che consentono una nuova operatività, pur mantenendo gli stessi valori: soci orientati al servizio, opportunità di affiatamento e solida leadership con la differenza che le riunioni degli e-club si svolgono anche in rete, attraverso un proprio sito web, gruppi chiusi di Facebook, webinar, videoconferenze, bacheche, messaggi istantanei, whatsapp, Skype. I soci possono accedere al sito o al gruppo chiuso a loro piacimento, a qualsiasi orario della settimana: un nuovo modo di “fare rotary”, con riunioni effettuate utilizzando i nuovi strumenti di comunicazione tipici del web 2.0. Per dirla con il motto di un Rotary club delle Filippine, gli e-club “si propongono di estendere il servizio del Rotary oltre i limiti di tempo e di luogo” ma questo non esclude che i soci degli e-club possano incontrarsi di persona, con riunioni periodiche o saltuarie, anche conviviali.

La gestione di un proprio sito web oggi riveste una fondamentale importanza per ogni club ai fini di una comunicazione efficace sia verso i propri soci che verso tutta la comunita’. E’ però necessario che il sito sia dinamico, costantemente aggiornato sui programmi e le attività del Club e ben curato nei dettagli.

Una particolare cura deve essere dedicata alle fotografie pubblicate: mai in numero eccessivo, sempre dotate di adeguata didascalia esplicativa, preferibilmente utilizzate per fissare momenti di lavoro o sottolineare eventi, piuttosto che tavole imbandite.

In tema di videoconferenze è bene ricordare-ha proseguito il nostro relatore- che esiste un galateo del web ( netiquette) che prevede regole precise : la puntualità, il rispetto dei tempi, , la partecipazione con video attivo registrandosi con nome e cognome.

L’accesso alla videoconferenza deve avvenire preferibilmente in modalità “ Mute/Microfono Spento” al fine di evitare rumori di fondo ( utili , in tal senso, le cuffie auricolari) o sovrapposizioni di voci e consentendo ai partecipanti di intervenire , tramite moderatore, dopo prenotazione  e conseguente attivazione del proprio microfono.

Un videocaminetto molto interessante che ci ha fornito informazioni utili per stare al passo con i tempi.

Per citare Paul Harris: “ Il nostro è un mondo che cambia e noi dobbiamo essere pronti a cambiare con esso”.

mm

Written by: Past President

Lascia un commento