extra Club

Conviviale del 6 febbraio 2020

N.H. Excelsior-h 20.0

Una conviviale particolarmente interessante, vissuta con intensa e partecipata emozione, quella di giovedi 6 febbraio. Merito del nostro ospite, il Comandante del 186° Reggimento Paracadutisti “ Folgore”, Colonnello Federico Bernacca che , nel suo indirizzo di saluto al Club,ha catalizzato l’attenzione dei presenti ripercorrendo la storia gloriosa  del paracadutismo militare.

Il sogno del volo dell’uomo si perde nella notte dei tempi- ha esordito  il nostro relatore- e la storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo degli uccelli. Ma per trovare una prova concreta che l’uomo potesse veramente volare bisogna aspettare fino al XV secolo e Leonardo da Vinci, che aprirà la strada dell’uomo verso il volo. Fin da piccolo il giovane Leonardo osservò il volo degli uccelli tentando di capire e riprodurre i movimenti che permettevano loro di muoversi nell’aria. Ben presto si rese conto che l’uomo, per poter “volare”, non doveva limitarsi a “copiarne” semplicemente le caratteristiche. Decise pertanto di fare quello che mai nessuno dei suoi predecessori o contemporanei aveva fatto: partire dall’osservazione di quanto era già esistente. Dapprima osservò l’anatomia ed i meccanismi di moto delle ali degli uccelli e cominciò a cercare delle risposte ad alcune domande: Perché gli uccelli riescono a volare? Perché non cadono? Qualcosa li tiene in aria? Leonardo all’epoca non disponeva delle conoscenze che oggi noi abbiamo di Fisica e che stanno alla base del volo e del moto. In quei tempi era diffusa l’idea errata che “l’aria anziché impedire il moto manteneva i corpi in movimento”. Ma studiando la resistenza dell’aria, il moto dei venti, il formarsi dei vortici arrivò ad una scoperta fondamentale: l’aria è un fluido e, come tutti i fluidi, è comprimibile. Da ciò arguì che, potendo l’aria essere più o meno densa, all’aumentare della sua densità essa poteva essere in grado di sostenere un corpo nell’aria. Una delle sue prime invenzioni a riguardo del volo, datata tra il 1483 e il 1486, è il paracadute. Un disegno della raccolta del Codice Atlantico mostra un paracadute a forma di piramide a base quadrata. La struttura è rivestita di tela di lino inamidata, per renderla compatta ed impermeabile all’aria. Le dimensioni sono considerevoli: ben 7,2 metri il lato di base e 7,2 metri l’altezza. Per Leonardo, l’uomo appeso al paracadute sarebbe caduto sia perché tirato dal suo peso che perché spinto verso il basso dall’aria, come voleva la filosofia aristotelica. Allo stesso tempo però, e qui sta la vera novità del pensiero di Leonardo, la resistenza dell’aria esercitata sul paracadute ne avrebbe rallentato la caduta. I suoi scritti non sono altro che appunti che non ebbe tempo di sviluppare, correggere e completare ma sono serviti come ispirazione per i suoi successori. Con il suo paracadute , con i numerosi altri progetti di macchine volanti, Leonardo aprì infatti la strada del volo umano, molto prima che si potesse disporre di teorie e materiali adeguati per raggiungere questo traguardo. L’intuizione di Leonardo Da Vinci di costruire un paracadute a forma di piramide,- ha proseguito il Colonnello Bernacca- fu ripresa da Fausto Veranzio da Sebenico, filosofo e matematico, il quale nel 1615 si sarebbe lanciato da una torre a Venezia appeso a un enorme paracadute rudimentale di forma quadrata. Il primo vero paracadutista della storia è André Jacques Garnerin, fisico ventottenne, che dopo ripetute prove, il 22 ottobre 1797 collaudò un paracadute di sua invenzione. La prova avvenne di fronte a una folla entusiasta radunata nel parco di Monceau. Garnierin sali in mongolfiera sino a circa 700 metri e tagliò le funi che legavano la navicella all’aerostato.Venne giù oscillando fortemente, ma indenne. In seguito Garnerin realizzò un modello simile a quelli attuali, vale a dire a costituzione floscia e, soprattutto, con un foro all’apice della calotta per farvi passare l’aria ed eliminare le oscillazioni. Il paracadute poi, comincia a interessare i militari e nel 1911 si registrò un altro passo avanti nella storia del paracadutismo: il primo lancio da un aereo.

Il paracadutismo militare italiano cominciò durante la Grande Guerra. Era ancora pionieristico, ma già pieno di fascino. Nel 1918 tre giovani ufficiali, Alessandro Tandura, Pier Arrigo Barnaba e Ferruccio Nicoloso vennero paracadutati dietro le linee austriache. Loro compito era quello di osservare i movimenti del nemico e riferire al Comando italiano, tramite piccioni viaggiatori. Fecero il lancio senza aver ricevuto alcun addestramento, tranne il consiglio di tenere le gambe unite e di stringere i denti. Tandura e Barnaba vennero decorati di Medaglia d’Oro al Valor Militare; Nicoloso ebbe l’Ordine Militare di Savoia. L’epopea del paracadutismo militare italiano cominciò pertanto, come spesso accade negli eserciti, quasi per caso.

Agli inizi degli anni ’20 in Italia si cominciò a pensare ad una vasta utilizzazione del paracadute. L’ufficiale pilota, Tenente Prospero Freri, studiò la possibilità di utilizzare il paracadute come mezzo di salvataggio. Ideò un dispositivo di apertura del paracadute e lo chiamò “aerodiscensore” e nel 1923 ideò e costruì il nuovo paracadute che chiamò Salvator, di seta, con un diametro di 7 metri e 3 cm, con 24 funicelle di sospensione, con il quale fu compiuto il primo lancio sperimentale. Tanti altri ne seguirono e quando la commissione, presieduta dal Colonnello Pilota Alessandro Guidoni, dovette scegliere un paracadute da assegnare ai piloti, scelse il Salvator. Ma nel 1928, dubbioso sul perfetto funzionamento di questo equipaggiamento in particolari condizioni d’impiego, volle sperimentarlo personalmente. La prova si svolse il 27 aprile ma, come temuto, il paracadute non si aprì correttamente e Guidoni restò ucciso sul campo d’aviazione di Montecelio, al quale poi è stato il nome di Guidonia, a soli quarantotto anni d’età.

Nel 1937 Italo Balbo, allora governatore della Libia, promosse la costituzione d’una scuola di paracadutismo all’aeroporto di Castel Benito (Tripoli). L’obiettivo era di formare un battaglione di “fanti dell’aria” libici affidandone il comando a uno dei più esperti e valorosi ufficiali coloniali, il tenente colonnello Goffredo Tonini, medaglia d’oro. Si lavorava su un terreno vergine, bisognava continuamente inventare, l’addestramento era reso difficile anche dall’innata diffidenza delle truppe di colore per le “macchine volanti”.

Il colonnello paracadutista Freri andò in Libia e si diede ad addestrare all’uso del paracadute Salvator D.37 gli ufficiali destinati a diventare istruttori dei libici. Intanto, nella primavera del ’40 era sorta anche in Italia, e precisamente a Tarquinia, una scuola militare di paracadutismo.

Tarquinia prese a viaggiare a pieno ritmo e rigurgitava di giovani gagliardi ed entusiasti, destinati a formare quella Divisione “Folgoreche nel 1942 si coprì di gloria ad El Alamein.

La storia del paracadutismo italiano non è solo la battaglia di El Alamein perchè la Brigata Folgore è stata una delle più impiegate dal dopoguerra ad oggi su tutti i fronti caldi nei quali l’Italia è stata impegnata in Libano, Somalia, Iraq fino ai Balcani e da quasi 20 anni ininterrottamente in Afghanistan.

Quasi a ripercorrere le gesta storiche che i loro padri fecero, nella guerra di El Alamein, rendendo la “Folgore” un mito che tuttora persiste, in grado di ricevere l’onore delle armi persino dall’esercito nemico. Possiamo infatti indicare come vera “chiave di volta” la notte del 24 ottobre 1942, in cui fu scatenata dal nemico la battaglia per la conquista della Libia, con eccezionale dovizia di mezzi e di uomini. Quella notte i soldati italiani si coprirono di gloria. Inferiori per numero e per materiale bellico, i gloriosi paracadutisti della Folgore, non indietreggiarono di un passo di fronte al nemico, finché i loro superiori non lo ordinarono. In questa battaglia è ben noto l’eroico comportamento della Folgore, dei paracadutisti che dovettero rassegnarsi a non usare il paracadute e combattere fra la sabbia rovente del deserto. A El Alamein i soldati italiani scrissero una delle più belle pagine della storia della guerra africana: da quel momento le vicende della Folgore cessarono di essere semplice storia e divennero leggenda.

Al termine dell’ intervento, il caloroso applauso e I numerosi interventi dei soci, hanno sottolineato il  vivo apprezzamento per questo incontro, testimoniando il forte legame che da sempre unisce orgogliosamente il  nostro Club al 186° reggimento Paracadutisti, non a caso insignito di ben due PHF per le meritorie attivita’ svolte;”

La “ Folgore” rappresenta infatti uno dei reggimenti più autorevoli dell’esercito italiano; è una storia incarnata in valori e ideologie da sempre rappresentate e condivise in persone che oggi si potrebbero definire eroi, ma che da sempre servono la patria senza nulla chiedere in cambio. Storie di sacrificio, dedizione, perseveranza, senso dell’ordine e del valore, di autorità condivisa e concretizzata attraverso un grido che esplode e si realizza sotto un unico nome, davanti ad una bandiera in grado di rappresentare e racchiudere al suo interno tutto l’orgoglio di un reggimento che da sempre le dà lustro a livello mondiale: quel nome è …“Folgore“.